Pregi - IDRAULICA PIATTI

Vai ai contenuti

Pregi

IMPIANTI RADIANTI

Riscaldamento a pavimento

Caratteristiche e pregi



Il riscaldamento a pavimento è  il sistema ideale per un riscaldamento a bassa temperatura.


Tale sistema è applicabile in tutti gli ambienti civili ed industriali, sia di nuova edificazione, sia sottoposti a ristrutturazione o recupero.
La possibilità di dotarsi di impianti di riscaldamento a pavimento non è limitata ai soli ambienti chiusi, ma si estende anche, con ottimi risultati, alle aree esterne come ad esempio rampe d’accesso o parcheggi.

La trasmissione del calore avviene per effetto “radiante”, anzichè sfruttare i moti convettivi dell’aria, perciò questo tipo di riscaldamento si rivela di gran lunga il sistema piu` naturale dal punto di vista fisiologico.

Possiamo affermare che lo è oggi ma in un futuro prossimo, avrà sempre una diffusione maggiore, perchè è l'impianto che può sfruttare al meglio le energie alternative ai combustibili fossili.
Le svariate soluzioni impiantistiche disponibili ne permettono la massima flessibilità ad ogni tipo di edificio ed esigenza costruttiva. Inoltre l'utilizzo di un fluido termovettore a bassa temperatura unito alla particolare stratificazione del calore negli ambienti si traduce in un importante risparmio di energia.




[image:image-1] Risparmio energetico superiore ad un impianto tradizionale

[image:image-13] Distribuzione uniforme delle temperature ambientali

[image:image-14]Minori dispersioni termiche rispetto ad un impianto di riscaldamento tradizionale      

[image:image-15] Maggiore benessere termico

[image:image-16]Maggiore libertà di arredamento

[image:image-17]Grande affidabilità e flessibilità ad ogni tipo di edificio ed esigenza costruttiva

[image:image-18]Elevata superficie scaldante

[image:image-19] No alle irritazioni delle vie respiratorie, grazie alle ottime condizioni igeniche

[image:image-20] Nessun deposito di polvere

[image:image-21] Eliminazione di muffe a parete e del degrado degli intonaci dei pavimenti in legno o dei serramenti.
















Di ogni sistema di riscaldamento è possibile tracciare un modello di distribuzione delle temperature.

Negli impianti di riscaldamento a pavimento la particolare collocazione dei pannelli radianti e la cessione di calore per irraggiamento genera una stratificazione delle temperature che si avvicina maggiormente alla situazione ideale di benessere termico.

Inoltre, fattore molto importante dell’impianto a pannelli radianti, la distribuzione del calore risulta uniforme in tutti gli spazi, al contrario di un impianto tradizionale, dove nei pressi delle fonti  di calore si concentrano temperature elevate.

La possibilità di adattare alle esigenze architettoniche la configurazione dei pannelli, consente inoltre di intensificare o di ridurre la diffusione del calore, ad esempio in prossimità di vetrate o nei bagni

Per “benessere termico”
si intende la sensazione che si percepisce all’interno di un locale quando la temperatura assume un valore ottimale.


La temperatura di circa 22°C si riscontra in prossimità del pavimento, dove camminiamo, mentre la parte  alta del corpo può beneficiare di una temperatura inferiore. Infatti, per godere di una condizione di “benessere termico” si devono avere zone leggermente più calde a pavimento e leggermente più fredde a soffitto.




Con gli impianti di riscaldamento a pavimento non vi è il rischio di formazione di zone umide a pavimento, quindi non si generano le condizioni per la formazione di acari e batteri e non si formano muffe sulle pareti.

Inoltre il sistema di riscaldamento a pavimento operando a bassa temperatura non altera le condizioni di umidità dell'aria, mantenendo un ottimo livello di benessere.

Con i radiatori generalmente il tasso di umidità, scendeva e l'aria così restava generalmente più secca.




Il riscaldamento a pavimento, ottimizza il rendimento termico di una caldaia a condensazione con conseguente riduzione del consumo d’energia e con abbattimento delle emissioni inquinanti in atmosfera.

A dipendenza delle condizioni climatiche del luogo e dell’altezza dei  locali, il risparmio energetico può essere decisamente elevato. La differenza di consumo è dovuta principalmente all’elevata superficie di scambio con la quale si costituisce l’impianto a pavimento.

L’acqua all’interno dell’impianto viene messa in circolazione a bassa temperatura ma la grande superficie consente di rendere efficiente ed uniforme la diffusione del calore. L’uso di nuove tecnologie e sorgenti di calore (quali le pompe di calore, le caldaie a condensazione, i pannelli solari, i sistemi di recupero del calore, i sistemi di teleriscaldamento) la cui resa aumenta al diminuire della temperatura di mandata, è fortemente consigliato.


Il gradiente termico che si viene a generare con un impianto di riscaldamento a pavimento è tale che le dispersioni termiche sono minori rispetto ad un impianto di riscaldamento di tipo tradizionale.

Questo perchè, a differenza di questi ultimi tipi di impianto, si riesce a recuperare quel calore che generalmente viene sprecato per effetto della stratificazione dell'aria che raggiunge temperature più alte in prossimità del soffitto; tale recupero aumenta all'aumentare dell'altezza dei locali.

Con un impianto di riscaldamento a pavimento si raggiunge la condizione di benessere con una temperatura media ambiente generalmente inferiore di 1°C rispetto a quella che si ha con un impianto tradizionale, e quindi a parità di comfort, si ha un risparmio energetico.

Inoltre l'utilizzo di pannelli isolanti che servono da supporto al tubo, riducono notevolmente le dispersioni termiche e contribuiscono ad aumentare la resa energetica dell'impianto; i sistemi di riscaldamento tradizionali non necessitano, dal punto di vista impiantistico, di tali pannelli che quindi non vengono impiegati.

Gli impianti a pannelli radianti consentono in definitiva un risparmio energetico del 25%

Torna ai contenuti
TOP100-SOLAR